ITALIA PUGLIA SUD ITALIA E ISOLE

La cava di Bauxite ad Otranto: a spasso per Marte.

Coordinate geografiche
40°7’55.2″ N 17°30’2.3″E

Cava di Bauxite Otranto

Nel cuore del Salento, si cela tra un labirinto di vie sterrate un luogo davvero suggestivo: la Cava di Bauxite. Non serve prendere una navicella spaziale per avere la sensazione di essere su un’altro pianeta. Non siamo su Marte e neppure sul Gran Canyon, ma a pochi kilometri da Otranto e da Punta Palascia, nei pressi di Monte Sant’Angelo.

Qui un vecchio giacimento di Bauxite, ormai abbandonato, si è trasformato in un lago dalle tinte verdi come lo smeraldo, circondato da una terra rosso fuoco, creando un panorama dalle tinte sgargianti tra i più colorati della Puglia.

La Cava di Bauxite vicino Otranto

Un pò di storia

La scoperta del giacimento di Bauxite risale al 1940 e il suo sfruttamento è  andato avanti fino al 1976. La cava era davvero importante a livello commerciale in passato, tutto il materiale estratto veniva inviato a Porto Marghera ed utilizzato per l’estrazione di alluminio. E’ stata, quindi, un’importantissima fonte di sostentamento per il territorio salentino.

Una volta dismessa la cava, grazie alle infiltrazioni d’acqua di una delle tante falde acquifere presenti nel territorio carsico, si è lentamente formato un laghetto la cui acqua ha assunto un colore particolarmente intenso a causa della presenza di residui di Bauxite nella cava.

Cava di Bauxite Otranto

Il panorama spaziale!

Il panorama risultante è quello di un Canyon Americano, o di un film fantascientifico ambientato su Marte con al centro un magico laghetto verde smeraldo.  Il colore rosso intenso del terreno circostante mette ancor più in risalto il verde brillante delle acque, come pure il colore intenso della vegetazione circostante.

E’ alquanto strano che una ex cava possa sembrare così bella agli occhi dei visitatori.  Eppure i colori sorprendono, nessuna foto rende come la realtà. Ad ogni cambiamento di nubi o luce solare cambia anche la tonalità restituita dai riflessi di acqua, terra e vegetazione. Al tramonto i colori poi si fanno ancora più intensi.

Qui la natura si è ripresa tutti i suoi spazi, cancellando piano piano l’intervento umano e rendendo questo luogo ancor più affascinante di prima.

La terra circostante della cava, grazie al suo colore rosso intenso, viene spesso prelevata ed utilizzata ancora oggi per la produzione di colori da utilizzare per l’artigianato locale, completamente eco-friendly.

Il terreno rosso fuoco attorno al laghetto delle cava di Bauxite

Come raggiungere il Laghetto di Bauxite da Otranto

In auto

La cava di Bauxite, dista appena 1,5 km dal centro di Otranto. Si può raggiungere in auto tenendo come direzione Santa Cesarea sulla SP 369 e impostando le coordinate che vi ho lasciato in cima all’articolo. L’ultimo tratto è una strada sterrata. Non preoccupatevi, siete sulla giusta via!

Dopo aver parcheggiato, sarà necessario procedere a piedi e dopo 5 minuti si potrà finalmente scorgere la bellissima cava verde smeraldo.

A piedi, in bicicletta o a cavallo

Se siete più temerari e desiderate raggiungere la cava di Bauxite senza l’auto dovrete partire dal porto: dalla rotatoria della Madonna del Passo, prendete la direzione per Orte. Dopodiché, alla successiva rotatoria svoltate sulla destra; a questo punto, vedrete sulla vostra sinistra una croce rossa e proprio in quel momento dovrete svoltare alla prima a sinistra. Dopo 5 minuti di camminata sarete finalmente arrivati alla cava di Bauxite.

Una delle pareti della cava

Come organizzare la visita alla Cava di Bauxite ad Otranto

Il sito si visita in circa mezz’ora o un ora al massimo per chi ama scattare molte foto. Noi abbiamo visitato prima la Grotta della Poesia, non molto distante, questo bellissimo sito e poi abbiamo cenato ad Otranto, cittadina altrettanto affascinante.

Indossate scarpe da ginnastica, in quanto il terreno è un po’ sconnesso e sdrucciolevole. Non scegliete le vostre scarpe preferite, mi raccomando! Tenete conto di doverle poi lavare per bene in quanto la terra rossa le sporcherà con facilità infilandosi in ogni angolino. Vi consiglio di portarvi via un cambio!

Accessibilità

Il terreno è un po’ sconnesso. Lo sconsiglio quindi a chi ha passeggini o carrozzine al seguito. Meglio se possibile trasportare i bimbi molto piccoli con un marsupio.

Essendo un’ex cava dismessa, è bene fare attenzione mentre ci si avvicina, non sono presenti divieti, ma neppure messe in sicurezza.

Inoltre, nonostante i colori spettacolari facciano venir voglia di tuffarvi, il lago non è balneabile.

Costi

L’ingresso alla Cava di Bauxite è gratuito, ma il parcheggio che dista 5 minuti a piedi è a pagamento. Costo 3 euro.

Per avere ulteriori informazioni potete consultare il portale ufficiale del turismo della Regione Puglia www.viaggiareinpuglia.it

Condividi

Ti potrebbe anche interessare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.